26° EDIZIONE
FORM ACTIONS presenta: Master in Consulenza di Pedagogia Familiare Giuridica e Scolastica

In partnership con AINSPED Associazione Internazionale Pedagogisti Educatori

Professione disciplinata

dalla Legge 4 del 14 gennaio 2013

AINSPED

A conclusione del percorso sarà possibile iscriversi all’Albo dei Consulenti Pedagogici

PROGRAMMA

1° lezione

Epistemologia della consulenza pedagogica. Il consulente pedagogico come professionista che presidia il modello dei cinque elementi costitutivi della relazione educativa. Strumenti e tecniche generali.
2° e 3° lezione

Elementi di diritto e procedura civile e penale. Analisi delle principali normative. Il ruolo del consulente tecnico.
4° e 5° lezione

La consulenza tecnica: il ruolo del CTU e del CTP. Strumenti e tecniche di intervento del consulente tecnico pedagogico. Comprendere e produrre documenti e relazioni per l’Autorità giudiziaria.
6° lezione

Strumenti e tecniche di conduzione del colloquio pedagogico nell’ambito familiare e scolastico.
7° lezione

La consulenza di pedagogia scolastica agli insegnanti e alle famiglie. Il ruolo del consulente pedagogico nell’ambito dei BES (Bisogni Educativi Speciali).
8° lezione

La consulenza di pedagogia scolastica. L’intervento sui DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento). Screening e rilevamento di competenze. La collaborazione con i Servizi territoriali.
9° lezione

La gestione del conflitto tra adulti e in famiglia. Strumenti e tecniche di mediazione. 1° Parte.
10° lezione

La gestione del conflitto tra adulti e in famiglia. Strumenti e tecniche di mediazione 2° Parte. Gestire il conflitto interprofessionale.
11° lezione

Elementi di psicopatologia clinica. Analisi dei principali strumenti psicodiagnostici. Analisi di casi clinici.
12° lezione

La consulenza e la supervisione pedagogica nei Servizi all’adolescenza (prima parte della giornata) e agli anziani (seconda parte della giornata).
13° lezione

La consulenza e la supervisione pedagogica per i Servizi all’infanzia.
14° lezione

Il minore vittima di reato, abusi e maltrattamenti all’infanzia, indicatori, prevenzione ed interventi.

Recupero lezioni: Le lezioni perse possono essere gratuitamente recuperate nelle edizioni successive del Master.

Tirocinio:

Gli studenti, attraverso il nostro supporto organizzativo e didattico, potranno effettuare un tirocinio presso studi legali o servizi del proprio territorio. In caso di impossibilità allo svolgimento del tirocinio, l’elaborato finale potrà avere come oggetto lo sviluppo di un argomento di proprio interesse trattato nel corso, da concordare con i docenti. Il tirocinio deve essere vissuto nell’ottica dell’auto-imprenditorialità, ovvero come lancio per la professione del consulente pedagogico (vedi pagina seguente per ulteriori informazioni sul tirocinio).

Il tirocinio come sviluppo dell’auto-imprenditorialità

L’esperienza di tirocinio vuole essere un’occasione concreta per i nostri allievi di intraprendere concretamente la professione del consulente pedagogico. 

L’allievo dovrà innanzitutto individuare una struttura (scuola, studio legale, medico o pediatrico) del proprio territorio ove proporsi per attivarsi come consulente pedagogico e seguire un primo caso. 

Abbiamo indicato 20 ore di tirocinio perché solitamente costituiscono il valore medio di chi ha svolto questa esperienza ma non è da escludere la possibilità di svolgere più ore, su volontà dell’allievo e nell’ottica di dare a questa esperienza il maggior valore possibile. 

Il nostro staff supporterà lo studente nell’individuazione dello spazio più adeguato ove svolgere questa esperienza professionale, a partire dai bisogni e dalle esigenze espresse dall’allievo. 

Nel costo del Master sono pertanto comprese 2 sedute di 40 minuti via Skype o altro strumento tecnologico concordato con il singolo allievo, al fine di supportare in ogni aspetto lo sviluppo dell’auto-imprenditorialità dei nostri allievi: il tirocinio deve essere quindi vissuto in quest’ottica e non come il mero soddisfacimento di un “obbligo” formativo. 

Ogni seduta aggiuntiva di questa supervisione, facoltativa e solo su richiesta dell’allievo, avrà il costo di euro 30 onnicomprensive. 

La relazione finale dovrà avere come oggetto la propria esperienza di tirocinio o, nel caso l’allievo non fosse nelle condizioni o non si sentisse pronto per questa esperienza più pratica, potrà sviluppare un argomento di proprio interesse. 

Infine, sempre per favorire l’auto-imprenditorialità, Form Actions fornisce gratuitamente a tutti gli allievi che ne faranno richiesta una casella di posta elettronica “nomecognome@consulenzapedagogica.info”. 

Attestato finale:

A conclusione del percorso verrà rilasciato l’attestato di partecipazione al Master in “Consulenza di Pedagogia Giuridica, Familiare e Scolastica”. Ai professionisti in possesso dei titoli previsti dalla Legge 205/2017 sul proprio attestato di partecipazione verrà indicata, a partire dal titolo di studio posseduto, la dicitura “pedagogista / educatore socio- pedagogico / educatore socio-sanitario specializzato nell’ambito della consulenza di pedagogia familiare, giuridica e scolastica”.

Premesse

Il Master si propone di formare la figura del consulente pedagogico nel contesto giuridico, familiare e scolastico: un professionista che lavora, con specifiche tecniche e competenze, per i Tribunali, gli Enti locali, le organizzazioni del terzo settore (associazioni e cooperative sociali), le agenzie scolastiche e formative (dal nido alla scuola secondaria) e/o direttamente per i soggetti privati, in un’ottica basata sull’acquisizione di competenze pratiche e attraverso un approccio multidisciplinare alla consulenza tecnica. 

Il Consulente di Pedagogia Familiare, Giuridica e Scolastica potrà offrire la propria competenza nel proprio studio privato (anche a fianco di altre figure, nell’ottica multidisciplinare) e/o in collaborazione con studi pedagogici, psicologici e legali già presenti sul territorio. 

Il Master si rivolge altresì ad assistenti sociali, insegnanti, educatori, operatori che intendono acquisire o potenziare tecniche e strumenti per i propri luoghi di lavoro (servizi sociali, nidi, scuole, comunità, servizi residenziali o educativi per il tempo libero, servizi di tutela minorile). 

Ai sensi della Legge 4 del 14 gennaio 2013, l’esercizio della professione non disciplinata da Ordini o Collegi “è libero e fondato sull’autonomia, sulle
e sull’indipendenza di giudizio intellettuale e tecnica, nel rispetto dei
buona fede, dell’affidamento del pubblico e della clientela, della dell’ampliamento e della specializzazione dell’offerta dei servizi, della responsabilità del professionista. La professione e’ esercitata in forma individuale, in forma associata, societaria, cooperativa o nella forma del lavoro dipendente.”

Infine, la Legge 205/2017 completa ed integra il possesso di requisiti per il titolo di educatore e pedagogista: per i professionisti in possesso di questi titoli, l’attestato di partecipazione prevederà, a partire dal titolo in tuo possesso, l’indicazione della dicitura “pedagogista / educatore socio-pedagogico / educatore socio-sanitario con specializzazione nella consulenza di pedagogia familiare, giuridica e scolastica”.

Metodologie

Il Master mira a diffondere la pratica del consulente pedagogico attraverso esercitazioni mirate. La maggior parte del tempo formativo sarà pertanto dedicato all’acquisizione di tecniche e strumenti, attraverso esercitazioni pratiche e role-playing. Le lezioni su piattaforma saranno pertanto al 100% interattive attraverso metodi avanzati di didattica digitale (no lezioni pre-registrate!). 

Obiettivi formativi 

Pur avendo come orizzonte la trasmissione di saperi e tecniche trasversali, il Master si pone come finalità l’acquisizione delle seguenti competenze specifiche. Nell’ambito della consulenza di pedagogia giuridica:
Consulenze tecniche di parte nei Tribunali, accompagnamento alla separazione, tecniche di colloquio, conoscenza degli aspetti giuridici della professione, comprensione e redazione di documenti per l’autorità giudiziaria. 

Nell’ambito della consulenza di pedagogia familiare: 

Consulenza pedagogica generica rivolta ai genitori, tecniche di colloquio nella mediazione dei conflitti, conduzione di gruppi di mutuo-aiuto. 

Nell’ambito della consulenza di pedagogia scolastica: 

Strumenti di osservazione, progettazione e conduzione di interventi individuali e di gruppo, interventi di pedagogia speciale, lavoro d’équipe, tecniche di colloquio per la consulenza nei contesti scolastici. 

Nell’ambito della consulenza pedagogica ai Servizi dedicati all’infanzia, adolescenza e agli anziani:
Supervisione dell’équipe e al coordinamento, progettazione e valutazione dei Servizi. 

L’ambito della pedagogia giuridica

L’ambito della pedagogia giuridica sta ricevendo nell’ultimo periodo un particolare interessamento, tuttavia non è previsto un percorso universitario specifico in tale settore. Il consulente pedagogico può operare come figura specialista della gestione delle dinamiche educative riguardanti il minore e la famiglia nell’ambito giuridico. 

In particolare, la Legge prevede la nomina, a cura di uno studio legale, di un Consulente Tecnico di Parte (CTP) all’interno di una CTU (Consulenza Tecnica d’Ufficio). 

A conclusione del percorso potrai iscriversi all’Albo dei Consulenti di Pedagogia Familiare, Giuridica e Scolastica dell’AINSPED: l’iscrizione ad un Albo di categoria costituisce requisito preferenziale per l’accettazione della domanda di iscrizione all’Albo dei CTU del Tribunale. 

Inoltre, i magistrati possono chiedere la consulenza di un perito e il Codice di Procedura Penale, all’art. 220, afferma che “la perizia è ammessa quando occorre svolgere indagini o acquisire dati o valutazioni che richiedono specifiche competenze tecniche, scientifiche, artistiche”. 

Il Consulente di Pedagogia Giuridica, a partire dalla laurea di cui è in possesso, può partecipare alle candidature triennali della Magistratura Onoraria presso il Tribunale dei Minorenni o il Tribunale di Sorveglianza, può collaborare con gli studi legali in qualità di consulente di parte (art. 190 del C.P.P.), può lavorare con le scuole e i servizi sociali territoriali in progetti specifici in cui l’aspetto pedagogico e giuridico si intersecano (interventi sul bullismo, processi di messa alla prova, spazi neutri, percorsi di sostegno alla genitorialità, interventi di prevenzione degli abusi e dei maltrattamenti etc.). 

Lezioni sincrone su piattaforma Zoom

Il corso si svolgerà interamente su piattaforma gratuita “Zoom”. L’allievo dovrà iscriversi sulla piattaforma (www.zoom.us) e comunicare alla Segreteria la mail con la quale ha effettuato l’iscrizione. Dopodiché la Segreteria provvederà a fornire tutte le indicazioni necessarie per l’ingresso nell’aula digitale.

 

Calendario delle lezioni:
Sabato 27 marzo 2021
Domenica 28 marzo 2021
Sabato 17 aprile 2021
Domenica 18 aprile 2021
Sabato 8 maggio 2021
Domenica 9 maggio 2021
Sabato 29 maggio 2021
Domenica 29 maggio 2021
Sabato 12 giugno 2021
Domenica 13 giugno 2021
Sabato 26 giugno 2021
Domenica 27 giugno 2021
Sabato 10 luglio 2021
Domenica 11 luglio 2021

 

Orari delle lezioni: Dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 17:00. La connessione su piattaforma è prevista mezz’ora prima dell’orario di inizio per consentire al gruppo classe di costituirsi regolarmente.

Manuale ufficiale del Master

Tutti gli iscritti, all’avvio del percorso formativo, riceveranno gratuitamente l’ebook in pdf del Manuale ufficiale del Master: 

 

 

Federico Fenzio (a cura di) Manuale di Consulenza Pedagogica in ambito Familiare, Giuridico e Scolastico  Terza Edizione 

Edizioni Youcanprint, Lecce, 2019, 560 pagine

 

Albo dei Consulenti di Pedagogia Familiare, Giuridico e Scolastico dell’AINSPED

A conclusione del percorso sarà possibile iscriversi all’Albo dei Consulenti di Pedagogia Familiare, Giuridico e Scolastico dell’AINSPED (Associazione Internazionale Pedagogisti Educatori) 

A tale Albo si accederà in qualità di “Socio Sostenitore”
(per chi non è in possesso dei requisiti della Legge 205/2017) o di “Socio Ordinario” per quanto concerne i Pedagogisti e gli Educatori che soddisfano i requisiti della Legge 205/2017 

NB: L’iscrizione all’Albo di una Associazione di categoria costituisce titolo preferenziale per l’accettazione della domanda di iscrizione all’Albo dei CTU del Tribunale.

Staff

Docenti

Direttore Scientifico, Giudice Onorario

Read More

Direttore Scientifico, Giudice Onorario

Assistente sociale

Read More

Assistente Sociale

Insegnante e consulente pedagogico

Read More

Consulente Pedagogico

Consulente Pedagogico

Read More

Consulente Pedagogico

Consulente Pedagogico

Read More

Consulente Pedagogico

Consulente Pedagogico

Read More

Consulente Pedagogico

Il master è organizzato da:

Form Actions

di Laura Corfini

e da:

Forma Mentis

Tutela e benessere del minore, della persona e della famiglia

di Natalie Valentina Cintorino

in collaborazione con:

AINSPED